Alpi Cuneesi Escursioni e viaggi per bambini

IL SENTIERO DEI SARVANOT DI RORE (Valle Varaita)

Il sentiero dei Sarvanot a Rore, frazione poco prima di Sampeyre, in media val Varaita, e’una piacevole passeggiata ideale per famiglie, durante la quale i bambini si divertiranno a scovare decine di Sarvanot nel bosco e dopo una mezz’ora di cammino, dopo aver passato vari ponticelli sul rio Cantarane si potra’ammirare la bella cascatella Tumpi la Pisso. Da pochi anni in un poggio panoramico sopra Rore e’stata posizionata una panchina gigante, come ormai se ne vedono tante, che e’possibile vedere compiendo un ampio anello oppure con due deviazioni prima.

L’itinerario, data la bassa quota, intorno ai 1000 m, e’piu’ adatto per le mezze stagioni,  un po’per godere dei colori autunnali, un po’perche’ l’assenza di fogliame in primavera permette di vedere meglio i sarvanot, ma noi compiamo l’anello piu’grande (quasi 4 km, due orette) in una mattina nuvolosa di luglio – e il bosco garantisce comunque sempre una certa frescura – per poi pranzare all’albergo Ristorante Amici, presso il quale parte l’itinerario e dove e’possibile trovare i depliant del percorso, oltre che nella vicina locanda di alimentari, oltre a due libri dell’Associazione culturare Lu Rure che raccontano le storie di questi folletti dei boschi che si nascondono di giorno per poi disturbare il sonno degli abitanti del paese, vivono tra gli anfratti delle rocce e sfoggiano indumenti variopinti. Si parte dietro l’albergo,(acqua alla Funt Gravirot, ma altra fonte dopo) dove un sarvanot appunto segnala il sentiero, una larga mulattiera lungo la quale si scorgono i vari sarvanot intenti in varie attivita’, c’e’persino un ufficio turistico! Arrivati alla cascata noi seguiamo sulla destra le indicazioni per Draguniere e Chastel  in salita decisa con catene laterali che offrono un eventuale appoggio per superare alcune facili roccette, e dopo altri tornanti nella boscaglia, perveniamo sul costone, dove tralasciamo la direzione Colletto Morero per procedere invece a destra  verso Chastel . Qui incontriamo un pilone religioso e un tavolo picnic e poco dopo , incrociata la deviazione sulla sinistra per Puy superiore, sbuchiamo nel panoramico poggio con la Big bench azzurra. Qualche attimo di relax e contemplazione, poi scendiamo dritti su Rore (si puo’anche tornare indietro di pochi metri e prendere la deviazione Tumpi la Pisso Canal Rore che riporta sul sentiero dell’andata). Dopo il pranzo all’albergo Amici, siesta in prato e poi gelatino da Fioca a Melle e formaggi dal Caseificio valle Varaita a Brossasco, dove non mi faccio mancare anche due acquisti in libri e cartine locali dal bar-negozio- libreria Segnavia Porta di Valle!

N.B. interessante se si ha piu’tempo , una volta superato il tratto con le catene sopra la cascata fare una deviazione per il Punt Bue’verso Colle Morero, o ponte Ciantarane, in direzione di Becetto, opera del 2010 ispirata al ponte autoportante di Leonardo da Vinci

 

 

la cartina del depliant, con aggiunto la variante breve ( var ) alla panchina gigante (P azzurra)

 

Ti potrebbero anche interessare

Nessun commento

Lascia la tua risposta